LA PAROLA AL PRESIDENTE

Una storia lunga 46 anni la nostra. C.A.P.A. Cologna infatti accompagna e sostiene i suoi soci dal 7 dicembre 1970 ed è diventata con il vostro contributo una delle maggiori realtà italiane, leader nella Regione Emilia Romagna. Una cooperativa che si piega ma non si spezza, che da allora ha dovuto adeguarsi alle riforme della politica agricola comunitaria e allo stesso tempo la situazione agricola italiana ha dovuto confrontarsi non solo con il mercato europeo ma anche a livello mondiale, registrando anche notevoli crisi; che Capa continua a fronteggiare con esperienza e qualità nel proprio settore, garantendo da sempre una forte attenzione per le esigenze del socio, come mission principale della filosofia della nostra cooperativa.

capa cologna

Proprio per soddisfare i bisogni della nostra base sociale e porci sempre più come anello di congiunzione ideale tra la produzione agricola e l’ottenimento di prodotti in linea con le esigenze del mercato, siamo sempre pronti ad innovarci. Forse è proprio questa la nostra forza. L’impegno che ogni giorno mettiamo per dare risposte alle necessità dei clienti, attraverso mezzi tecnici ad alta qualità e rispettando le politiche ambientali.

Il nostro cardine è quello della vicinanza al socio. Nell’intento di restare al passo con i tempi e confermare l’avanguardia e l’innovazione, Capa ha sempre puntato al rispetto della qualità e della salubrità delle produzioni oltre ad aver posto attenzione particolare ad una politica ambientale, della qualità, della sicurezza e dell’energia. Negli anni sono stati potenziati in particolare i rapporti con Grandi Colture Italiane, Apo Conerpo oltre che con la Regione Emilia Romagna. Sono stati sviluppati progetti di sperimentazione per le produzioni integrate di cereali a paglia e per le produzioni orticole a marchio Q.C. Qualità Controllata.

Tra gli ultimi aggiornamenti, nel luglio del 2016 la cooperativa Capa Cologna si è inoltre candidata ad un bando regionale al fine di realizzare un progetto con un elevato grado di innovazione tecnologica dello stabilimento ubicato a Cologna. Tale risultato sarà ottenuto grazie all’introduzione di moderni impianti di lavorazione e trattamento del grano duro, questo al fine di consolidare e migliorare la competitività dell’impresa. Il nuovo investimento rappresenta la naturale conseguenza della delicata e particolare situazione che il mercato dei cereali, nello specifico quello emiliano  romagnolo, sta attraversando in questi ultimi periodi.

Infatti nonostante la produzione cerealicola mondiale raggiungerà 2.521 milioni di tonnellate nel 2016, nell’UE il mercato sembra mantenersi in una fase di stagnazione. In Italia ed in particolare nella Regione Emilia Romagna esiste una forte preoccupazione per le aziende cerealicole, dove solo il comparto biologico riesce a sostenersi. Mancano infatti soluzioni agronomiche innovative che mettono a dura prova l’intero comparto. Negli ultimi 10 anni vi è stata una forte riduzione della superficie italiana del mais da 1.100.000 nel 2006 a 730.000 ettari nel 2015. Per far fronte a queste difficoltà e per essere al passo con le dinamiche del mercato, la Cooperativa ha deciso di attuare un importante investimento rivolto esclusivamente alla lavorazione e trattamento del grano duro, che nonostante la situazione di incertezza garantisce costanti profitti. Il progetto risulta di forte impatto innovativo per la Cooperativa e dimostra ancora una volta l’avanguardia di questa realtà che necessita sicuramente di un aspetto comunicativo al fine di promuovere anche questi importanti investimenti. L’attività di promozione in generale del “prodotto-servizio” della Cooperativa Agricola Capa Cologna; la fidelizzazione dei propri soci attraverso un costante confronto e un aggiornamento tecnico ulteriore ai servizi già offerti, l’incentivo a nuove acquisizioni di soci, come opportunità per migliorare le proprie produzioni ed essere al meglio tutelati ed infine l’opportunità di creare collaborazioni e relazioni con enti istituzionali e creare nuove partnership con realtà imprenditoriali, sono obiettivi strategici che anche la comunicazione interna ed esterna potrebbe aiutare a raggiungere.

Il mercato comune agricolo è in crisi da tempo, questa è una notizia all’ordine del giorno. Annualmente dobbiamo fronteggiarci con le trattative per fissare i nuovi prezzi agricoli comunitari ed è qui che sorgono le controversie che separano i partners europei. È necessario che si inizi a riconsiderare il problema dell’agricoltura europea nella sua globalità e nello specifico ricercare le cause di questa crisi. Valorizzare il Made in Italy, l’occupazione e l’innovazione devono diventare i cardini per ottenere una competitività economica e di sviluppo e Capa Cologna ha puntato su questi temi oltre che sulla qualità del proprio prodotto. Abbiamo inoltre deciso come CdA di allontanarci dalle politiche di Confcooperative, divenendo un ente economico e apolitico.

Ritengo Capa Cologna l’unico luogo dove veramente comandano le aziende socie. Ormai da anni proseguiamo la nostra strada nel mondo agricolo in maniera autonoma e l’obiettivo fondamentale che la Cooperativa Capa Cologna deve essere pronta a raggiungere è inevitabilmente legato all’avanguardia e alla prontezza di informare la propria base sociale su quanto accade, dando consigli e servizi sempre più specifici anche a livello comunicativo. Per questo vogliamo offrire un nuovo servizio legato alla comunicazione: dalla creazione di un bollettino informativo all’aggiornamento dei canali online dal sito alle nostre pagine social, per dar modo all’interno e all’esterno di far capire come ancora oggi Capa Cologna faccia scuola nel mondo cooperativo agricolo del ferrarese e non solo. Il messaggio importante è quello di anticipare i tempi, di parlare di agricoltura, di essere pronti anche nel mondo agricolo a stare al passo sia nella qualità che nella comunicazione.

 

Il Presidente del CdA – Alberto Stefanati