• Home
  • Fondo Europeo Agricolo per lo Sviluppo Rurale
Fondo Europeo Agricolo per lo Sviluppo Rurale
Opere di ristrutturazione e ammodernamento finalizzate al miglioramento del processo produttivo e della qualità del grano e del mais

Programma di Sviluppo Rurale 2014-2020 Misura 4.2.01 in approccio di Filiera

Il nuovo progetto prevede un importante investimento in opere edili: infatti verrà completamente rifatto il piazzale dell’intero stabilimento al fine di ottimizzare le fasi di raccolta e movimentazione dei seminativi, e quindi garantire una importante ottimizzazione del processo di carico e scarico della materia prima. Il nuovo investimento presenterà delle caratteristiche tali da rendere sicura e allo stesso tempo agevole la movimentazione dei seminativi. La scelta di utilizzare conglomerati in cemento rispetto all’asfalto favorirà l’assenza di avvallamenti, buche o rialzi ingiustificati; garantirà superfici di buona aderenza, resistenza all’usura e alla deformazione statica e dinamica; buona fono assorbenza del rumore continuo, del rumore d’impatto e delle vibrazioni. Ricordiamo che nei periodi di raccolta quotidianamente nel centro di stoccaggio transitano centinaia di camion per lo scarico dei cereali. Si eviterà inoltre il rischio di buche dove l’acqua piovana ristagnando possa danneggiare il prodotto una volta scaricato dai camion, sebbene il tempo di che intercorre tra lo scarico dei cereali e il loro passaggio nei sili sia strettamente monitorato e ridotto, al fine di evitare ogni tipo di alterazione del prodotto stesso. Appare evidente che la fase di trasporto e scarico del prodotto risulta una delle più delicate e importanti per il centro di stoccaggio.
In questa fase infatti la corretta movimentazione dei mezzi di trasporto e la perfetta tenuta del piazzale su cui scaricare la merce influenzano sia la qualità del processo di scarico che la qualità stessa del prodotto. Nel dettaglio l’investimento si rende necessario una serie di interventi su uno degli elementi principali di funzionamento logistico della struttura: il piazzale sul quale si arriva a ciascun essiccatoio e silos con i mezzi dedicati a tali attività (destinazione d’uso : Piazzali e depositi di materiale sfuso) tempi di realizzazione: entro 12 mesi dalla data di notifica dell’atto dirigenziale di concessione del contributo;
Nel dettaglio l’investimento si rende necessario una serie di interventi su uno degli elementi principali di funzionamento logistico della struttura: il piazzale sul quale si arriva a ciascun essiccatoio e silos con i mezzi dedicati a tali attività (destinazione d’uso : Piazzali e depositi di materiale sfuso)

Il costo complessivo del progetto ammonterà ad euro 1.337.709,80

Contributo concesso euro 411.976,47



Opere di ristrutturazione e ammodernamento finalizzate al miglioramento del processo produttivo e della qualità della soia

Programma di Sviluppo Rurale 2014-2020 Misura 4.2.01 in approccio di Filiera

Il nuovo progetto prevede importanti investimenti in impianti e macchinari: infatti verrà realizzato un nuovo impianto di essiccazione per la soia, unitamente all’acquisto di un impianto di refrigerazione, un gruppo elettrogeno, due pale e due spazzolatrici per la movimentazione della soia sul piazzale e, infine, una selezionatrice ottica per la selezione dei chicchi di soia in base alla grandezza e caratteristiche ed una macchina per la rilevazione del peso specifico. la soia richiede l’essiccazione artificiale della granella in impianti specifici in quanto l’umidità alla raccolta non permette nei nostri ambienti di ottenere un’umidità tale da consentire la corretta conservazione ed evitare alterazioni, ammuffimenti e pericolosi riscaldamenti. L’essiccatoio inserito nel progetto è un essiccatoio a colonna funzionante a ciclo continuo.
Il prodotto scende per gravità attraversando una serie di canali sfalsati che provocano un movimento a zig - zag ed un continuo rimescolamento; la geometria dei canali e lo scarico ad impulsi garantiscono una discesa uniforme lungo tutta la sezione della colonna evitando la formazione di correnti preferenziali. Nella prima zona di essiccazione il prodotto viene investito da aria calda e cede la maggior parte dell’umidità. Fra la prima e la seconda zona di essiccazione il prodotto attraversa una zona di riposo dove non è interessato da alcun flusso d’aria. In questa zona l’umidità più interna del chicco tende a migrare verso l’esterno facilitando la successiva evaporazione e migliorando l’omogeneità di essiccazione. Nella seconda zona di essiccazione viene asportata la residua umidità fino al valore finale desiderato.
L’impianto di refrigerazione costituisce la miglior risposta ad altri problemi legati alla conservazione della soia, quali perdita di prodotto per essiccazione, proliferazione di funghi e insetti, fermentazione – in termini di velocità di risposta, ecosostenibilità e risparmio economico. La logica di funzionamento dell’impianto di refrigerazione inserito nel progetto, completamente automatica, permette di raffreddare il prodotto progressivamente, cioè con aria che diventa progressivamente più fredda mano a mano che cala la temperatura della massa da raffreddare. la selezionatrice ottica consente l’individuazione di qualsiasi difetto presente nel prodotto da ispezionare grazie all’utilizzo di telecamere digitali a colore in grado di distinguere fino a 16 milioni di colori e difetti fino a 0,09 mm. La selezionatrice si avvale della tecnologia tricromatica e FULL COLOR, è cioè in grado di distinguere perfettamente ogni minima sfumatura di colore presente nel prodotto da ispezionare esattamente come farebbe l’occhio umano. Grazie a questa tecnologia la selezione è molto più precisa e permette di limitare al massimo gli scarti ed aumentare la qualità del prodotto ispezionato rendendolo sicuro e pronto per il mercato. Il misuratore automatico di umidità e peso specifico modello GRAIN CONTROL scelto dalla Cooperativa, consente la misurazione dell’umidità e del peso specifico automatica. Il campione non deve essere macinato oppure pesato, il compito dell’operatore è solo quello di versare il cereale nella tramoggia di carico e premere il tasto indicato. Integrano l’investimento l’acquisto di una pala gommata e di 2 spazzatrici industriali, importanti per lo spostamento del prodotto scaricato sul piazzale e per la pulizia del piazzale stesso. Chiude il programma di investimenti, l’acquisto di un Gruppo elettrogeno insonorizzato da 160 KW effettivi.
Tutti gli investimenti hanno pertanto come obiettivi prioritari, l’innovazione e la qualità.
Tempi di realizzazione: entro 12 mesi dalla data di notifica dell’atto dirigenziale di concessione del contributo;

Il costo complessivo del progetto, incluse le spese generali, ammonterà ad euro 1.163.346,55

Contributo concesso euro 404.631,13




Sito web della Commissione dedicato al FEASR